Aziende non in CIG, istruzioni per esonero contributivo

L’INPS, con il messaggio 13 novembre 2020, n. 4254, fornisce le indicazioni operative per la richiesta di autorizzazione dell’esonero contributivo

Arrivano da INPS le indicazioni operative per la richiesta di autorizzazione e per la gestione dell’esonero contributivo rivolto alle aziende non richiedenti ulteriori trattamenti di integrazione salariale ai sensi dell’art. 3, Decreto Legge 14 agosto 2020, n. 104. La misura – della quale l’Istituto parla  con il messaggio 13 novembre 2020, n. 4254 – rientra tra gli “aiuti di Stato” a sostegno dell’economia a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, ed è stata approvata dalla Commissione europea il 10 novembre 2020. La richiesta di esonero dovrà essere inoltrata all’Inps dai datori di lavoro o loro intermediari con apposita istanza dal “Cassetto previdenziale”, selezionando la voce “Assunzioni agevolate e sgravi – Sgravio Art. 3 del DL 14 agosto 2020, n. 104”, al fine di ottenere l’attribuzione del codice di autorizzazione “2Q”, che assume il nuovo significato di “Azienda beneficiaria dello sgravio art.3 DL 104/2020”.
L’ammontare dell’esonero è pari al doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e giugno 2020 ed avrà come base di calcolo la retribuzione persa, nei predetti mesi di maggio e giugno 2020, maggiorata dei ratei di mensilità aggiuntive. L’effettivo ammontare dell’esonero fruibile non potrà superare la contribuzione datoriale dovuta per le singole mensilità in cui si intenda avvalere della misura, per un periodo massimo di quattro mesi.
Non sarà possibile avvalersi di eventuali trattamenti di integrazione salariale legati all’emergenza Covid-19, tranne nel caso in cui il trattamento non riguardi una diversa unità produttiva.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query