CCN Laterizi – Industria: raggiunto l’accordo

    

03 GIU 2022 Il giorno 31 maggio 2022, CONFINDUSTRIA CERAMICA, ASSOBETON e FENEALUIL, FILCA CISL, CGIL, hanno sottoscritto l’Ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Laterizi Industria – Manufatti Cementizi.

L’accordo ha una durata  che va dall’1 aprile 2022 e scadrà il 30 settembre 2025
I minimi contrattuali mensili, relativi a ciascuna Categoria e le relative decorrenze, sono riportati nella seguente tabella allegata.

    

                Parametri

                1/7/2022

1.a tranche

                1/10/2023

2.a tranche

                1/2/2025

3.a tranche

                Totale

                220

                64,71

                40,44

                56,62

                161,76

                185

                54,41

                34,01

                47,61

                136,03

                151

                44,41

                27,76

                38,86

                111,03

                143

                42,06

                26,29

                36,80

                109,34

                136

                40,00

                25,00

                35,00

                100,00

                126

                37,06

                23,16

                32,43

                96,34

                117

                34,41

                21,51

                30,11

                86,03

                100

                29,41

                18,38

                25,74

                73,53

 

I nuovi minimi saranno:

    

                Categorie

                Minimi attuali

                1.a tranche

                Minimi dal 1/7/2022

                2.a tranche

                Minimi dal 1/10/2023

                3.a tranche

                Minimi dal 1/2/2025

                AS

                2.095,27

                64,71

                2.159,98

                40,44

                2.200,42

                56,62

                2.257,03

                A

                1.761,92

                54,41

                1.816,33

                34,01

                1.850,34

                47,61

                1.897,95

                B

                1.438,12

                44,41

                1.482,53

                27,76

                1.510,29

                38,86

                1.549,15

                CS

                1360,34

                42,06

                1.402,40

                26,29

                1.428,69

                36,80

                1.465,49

                C

                1294,23

                40,00

                1.334,23

                25,00

                1.359,23

                35,00

                1.394,23

                D

                1203,09

                37,06

                1.240,15

                23,16

                1.263,31

                32,43

                1.295,74

                E

                1115,27

                34,41

                1.149,68

                21,51

                1.171,19

                30,11

                1.201,30

                F

                954,28

                29,41

                983,69

                18,38

                1.002,07

                25,74

                1.027,81

 

Nei sei mesi precedenti la scadenza del presente contratto le Parti si incontreranno per valutare l’esito della rilevazione circa la significatività dello scostamento tra l’inflazione prevista e quella reale.

Gli aumenti del TEC (Trattamento economico complessivo) sono pari agli aumenti del TEM, come sopra definito, più i costi contrattuali con particolare riferimento agli art. 55 (previdenza complementare) e 55/Bis (assistenza sanitaria integrativa).

Contratto a tempo determinato
Durata massima del contratto a termine, stante l’attuale normativa si è stabilito che ai contratti di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a dodici mesi. Lo stesso può durare fino a 24 mesi, ma solo in presenza di determinate condizioni, ovvero attraverso l’apposizione di una causale giustificatrice. Dopo i 24 mesi si potrà ancora prorogare o rinnovare il contratto per ulteriori 12 mesi, ma solo con un presso le sedi territoriali dell’Ispettorato del Lavoro.Contratto a tempo determinato acausale fino a 12 mesi Nulla cambia per i contratti di lavoro a termine di durata inferiore ai 12 mesi, sarà quindi possibile assumere liberamente e senza dover dare giustificazione, se il rapporto avrà una durata fino ad un anno;lo stesso vale per le proroghe entro i primi 12 mesi. Invece già dal primo rinnovo, anche se previsto entro i primi 12 mesi andrà necessariamente indicata la causale.Le proroghe dei contratti di lavoro a tempo determinato dopo il primo armo dovranno invece avere una causa per cui vengono stipulati. Lo stesso vale già dal primo rinnovo del contratto a termine. Quindi in linea generale il contratto a termine può avere una durata superiore ai 12 mesi (f fino ad un massimo di 24 mesi) solo in presenza di almeno una delle seguenti condizioni: a. esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività;b. di sostituzione di altri lavoratori;c.  esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria.In aggiunta alle causali sopra indicate, l’apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro – superiore a dodici mesi ma comunque non eccedente ventiquattro mesi – è consentita, conformemente alla Legge 23 luglio 2021 n. 106, nella seguente ipotesi:per fasi di avvio di nuove attività, intendendo per tali anche l’avvio di nuovi impianti e/o nuove linee/sistemi di produzione.In caso di ricorso a tale ulteriore causale, al termine di ciascun anno, l’Azienda ne darà opportuna informativa alla RSU presente in Azienda indicandone i mesi utilizzati in eccedenza rispetto al termine dei 12 mesi di cui alle normative vigenti.

Comporto – terapie salvavita
Le assenze debitamente documentate e certificate dalle strutture sanitarie pubbliche o convenzionate che richiedano il ricorso a terapie salvavita (intensive, oncologiche o di emodialisi) non verranno computate ai fini dei termini di cui sopra per ulteriori 6 mesi e pertanto per un periodo complessivo di 20 mesi di calendario raggiunti anche con più periodi di assenza, nell’ambito dei 30 mesi di calendario immediatamente precedenti.

Maternità
L’integrazione conto azienda viene erogata fino al raggiungimento del 100% della retribuzione ordinaria

Fondo sanitario – Altea
La contribuzione sarà pari ad Euro 3,00 mensili a carico dei lavoratori che decidano di aderire e di Euro 7,00 mensili da parte delle aziende in favore degli stessi dipendenti che aderiscano al Fondo

 

Condividi:

Altre Notizie

IVA e trasferimento di terreni edificabili

                                             07 LUG 2022 Con la risposta n. 365 del 6 luglio 2022, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti sul trattamento fiscale ai fini Iva relativo al trasferimento di immobili catastalmente individuati come terreni,

Leggi tutto »

ARTIGIANATO: prorogata la prevenzione San.Arti

                                                       Fino al 31 dicembre 2022, i dipendenti delle imprese artigiane iscritti al fondo di assistenza sanitaria San.Arti, possono usufruire gratuitamente di tutti i 4 Pacchetti di prevenzione del Piano

Leggi tutto »

Ristorazione: contributi a favore delle imprese

                                                            06 LUG 2022 Criteri e modalità per l’erogazione di contributi in favore delle imprese operanti nel settore della ristorazione(MISE – Decreto 29 aprile 2022). Il presente decreto

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query