CIG e Fondi di solidarietà: istruzioni di compilazione Uniemens

    

04 LUG 2022 La disciplina degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro di lavoro è stata riformata con effetto dal 1° gennaio 2022. L’Inps fornisce istruzioni operative per la corretta compilazione degli Uniemens in caso di ricorso ai trattamenti di integrazione salariale per eventi di sospensione o riduzione dell’attività decorrenti dalla suddetta data. (Messaggio 01 luglio 2022, n. 2637).

CIGO da gennaio a giugno 2022

Per quanto riguarda i trattamenti di integrazione salariale ordinaria, le modifiche introdotte dalla riforma interessano l’allargamento della platea dei lavoratori destinatari con l’inclusione dei lavoratori a domicilio e degli apprendisti di primo e terzo livello.
Ai fini della compilazione dell’Uniemens, l’Inps precisa che per il versamento del contributo CIGO, dovuto per le mensilità da Gennaio 2022 a Giugno 2022, per la qualifica di lavoratore a domicilio, apprendista di primo e terzo livello (non professionalizzante) e giornalista, i datori di lavoro interessati devono valorizzare – all’interno di <DenunciaIndividuale>, <DatiRetributivi>, <InfoAggcausaliContrib>, i seguenti elementi:
– nell’elemento <CodiceCausale> deve essere inserito il valore già in uso, “M026”, avente il significato di “Versamento contributo ordinario CIGO anno 2022”;
– nell’elemento <IdentMotivoUtilizzoCausale> deve essere inserito l’importo della retribuzione imponibile corrisposta nel mese di riferimento;
– nell’elemento<AnnoMeseRif> deve essere indicato l’AnnoMese di riferimento della contribuzione dovuta;
– nell’elemento <ImportoAnnoMeseRif> deve essere indicato l’importo del contributo dovuto in base all’inquadramento aziendale o al limite dimensionale.
Per tali periodi pregressi la valorizzazione dell’elemento <AnnoMeseRif> può essere effettuata esclusivamente nei flussi UniEmens di competenza di Luglio, Agosto e Settembre 2022.
La sezione InfoAggcausaliContrib va ripetuta per tutti i mesi di arretrato.
Per gli apprendisti di qualsiasi tipologia, dipendenti da imprese dell’industria e artigianato edile o da imprese dell’industria e artigianato lapidei, la contribuzione CIGO è dovuta nella misura già prevista per gli apprendisti professionalizzanti:
– Industria e artigianato edile – 4,70 per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali;
– dell’industria e artigianato lapidei – 3,30 per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali;

CIGS da gennaio a giugno 2022

Ai fini del recupero o del versamento del contributo CIGS, relativo alle mensilità da Gennaio 2022 a Giugno 2022, i datori di lavoro, per tutte le qualifiche interessate (operai, impiegati, lavoratori a domicilio, giornalisti, apprendisti e apprendisti trasformati), devono valorizzare all’interno di <DenunciaIndividuale>, <DatiRetributivi>, <InfoAggcausaliContrib>, i seguenti elementi:
a) nell’elemento <CodiceCausale> deve essere inserito il valore:
– “L027”, di nuova istituzione, avente il significato di “Recupero riduzione contributiva CIGS anno 2022”;
– “L028”, di nuova istituzione, avente il significato di “Recupero contributo CIGS anno 2022”;
– “M027”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributivo CIGS ridotto anno 2022”;
– “M032”, già in uso, avente il significato di “Versamento contributo CIGS anno 2022”;
b) nell’elemento <IdentMotivoUtilizzoCausale> deve essere inserito l’importo della retribuzione imponibile corrisposta nel mese di riferimento;
c) nell’elemento<AnnoMeseRif> deve essere indicato l’AnnoMese di riferimento della contribuzione dovuta;
d) nell’elemento <ImportoAnnoMeseRif> deve essere indicato:
– per il codice “L027” l’importo della quota contributiva da recuperare pari allo 0,63% dell’imponibile contributivo;
– per il codice “L028” l’importo pari allo 0,90% dell’imponibile contributivo;
– per il codice “M027” il contributo da versare pari allo 0,27% dell’imponibile contributivo;
– per il codice “M032” il contributo da versare pari allo 0,90% dell’imponibile contributivo.

Per tali periodi pregressi la valorizzazione dell’elemento <AnnoMeseRif> può essere effettuata esclusivamente nei flussi UniEmens di competenza di Luglio, Agosto e Settembre 2022.
La sezione InfoAggcausaliContrib va ripetuta per tutti i mesi di arretrato.

FIS da gennaio a giugno 2022

Ai fini del recupero o del versamento del contributo FIS, relativo alle mensilità da Gennaio 2022 a Giugno 2022, i datori di lavoro devono valorizzare – all’interno di <DenunciaIndividuale>, <DatiRetributivi>, <InfoAggcausaliContrib>, i seguenti elementi:
a) nell’elemento <CodiceCausale> deve essere inserito il valore:
– “L029”, di nuova istituzione, avente il significato di “Recupero quota contributiva FIS anno 2022 aliquota 0,45%”;
– “L030”, di nuova istituzione, avente il significato di “Recupero quota contributiva FIS anno 2022 aliquota 0,65%”;
– “M029”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,15%”;
– “M030”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,10%”;
– “M031”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,04%”;
– “M037”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,69%”;
– “M033”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,24%”;
– “M034”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo ridotto FIS anno 2022 aliquota 0,55%”;
b) nell’elemento <IdentMotivoUtilizzoCausale> deve essere inserito l’importo della retribuzione imponibile corrisposta nel mese di riferimento;
c) nell’elemento<AnnoMeseRif> deve essere indicato l’AnnoMese di riferimento della contribuzione;
d) nell’elemento <ImportoAnnoMeseRif>, per le qualifiche diverse dal lavoratore a domicilio e apprendistato di primo e terzo livello, deve essere indicato l’importo del contributo ridotto da versare pari a:
– 0,15 per cento dell’imponibile contributivo (0,50% aliquota ordinaria – 0,35% riduzione nei casi di Forza aziendale fino a 5 dipendenti) (Codice M029);
– 0,10% dell’imponibile contributivo (0,55% aliquota ridotta 2022 se Forza aziendale maggiore di 5 e minore o uguale a 15 dipendenti – 0,45% aliquota ordinaria anno 2021) (Codice M030);
– 0,04% dell’imponibile contributivo (0,69% aliquota ridotta anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 15 dipendenti – 0,65 aliquota ordinaria anno 2021) (Codice M031);
– 0,69% dell’imponibile contributivo (0,80% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,11% riduzione anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 15 dipendenti) (Codice M037);
– 0,24% dell’imponibile contributivo (0,80% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,56% riduzione anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 50 dipendenti e azienda inquadrata come impresa commerciale -inclusa logistica- agenzia di viaggio e turismo, operatore turistico) (Codice M033);

Fondi di solidarietà da gennaio a giugno 2022

Ai fini del versamento del contributo di finanziamento dei Fondi di solidarietà, relativo alle mensilità da Gennaio 2022 a Giugno 2022 afferente ai lavoratori in forza – ivi compresi i lavoratori a domicilio (Qualifica1 uguale “6”) e apprendisti di primo e terzo livello (Tipo Lavoratore uguale a “PA”, “PC”, “M0”, “M1”) – i datori di lavoro devono valorizzare – all’interno di <DenunciaIndividuale>, <DatiRetributivi>, <InfoAggcausaliContrib>, i seguenti elementi:
– nell’elemento <CodiceCausale> deve essere inserito il valore “M036”, di nuova istituzione, avente il significato di “Versamento contributo di finanziamento Fondo di solidarietà anno 2022”;
– nell’elemento <IdentMotivoUtilizzoCausale> deve essere inserito l’importo della retribuzione imponibile corrisposta nel mese di riferimento;
– nell’elemento<AnnoMeseRif> deve essere indicato l’AnnoMese di riferimento della contribuzione;
– nell’elemento <ImportoAnnoMeseRif> deve essere indicato l’importo del contributo relativo al fondo di appartenenza.
Per tali periodi pregressi la valorizzazione dell’elemento <AnnoMeseRif> può essere effettuata esclusivamente nei flussi UniEmens di competenza di Luglio, Agosto e Settembre 2022.
La sezione InfoAggcausaliContrib va ripetuta per tutti i mesi di arretrato.
I datori di lavoro contraddistinti dai codici di autorizzazione “0S”, “1Z”, “6P”, “7B” “7V” per il recupero del contributo CIGS, versato e non dovuto, devono utilizzare il codice “L028”.

Lavoratori a domicilio e apprendisti di primo e terzo livello

Per la qualifica di lavoratore a domicilio (Qualifica1 uguale “6”) e apprendista di primo e terzo livello (Tipo Lavoratore uguale a “PA, PC, M0, M1”) l’importo del contributo ridotto è pari a:
– 0,15% dell’imponibile contributivo (0,50% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,35% riduzione anno 2022 se Forza aziendale minore o uguale a 5 dipendenti) (Codice M029);
– 0,55% dell’imponibile contributivo (0,80% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,25% riduzione anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 5 e minore o uguale a 15 dipendenti) (Codice M034);
– 0,69% dell’imponibile contributivo (0,80% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,11% riduzione anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 15 dipendenti) (Codice M037);
– 0,24% dell’imponibile contributivo (0,80% aliquota ordinaria anno 2022 – 0,56% riduzione anno 2022 se Forza aziendale maggiore di 50 dipendenti e azienda inquadrata come Impresa commerciale -inclusa logistica- agenzia di viaggio e turismo, operatore turistico) (Codice M033);
Per i periodi pregressi (Gennaio – Giugno 2022) la valorizzazione dell’elemento <AnnoMeseRif> può essere effettuata esclusivamente nei flussi UniEmens di competenza di Luglio, Agosto e Settembre 2022.
La sezione InfoAggcausaliContrib va ripetuta per tutti i mesi di arretrato.

Compilazione Uniemens da Luglio 2022

A decorrere dal periodo di competenza “LUGLIO 2022” la procedura di calcolo è adeguata per consentire il corretto carico contributivo post riforma, pertanto la compilazione del modello Uniemens è effettuata secondo le normali procedure.
Con riferimento ai datori di lavoro che operano con più posizioni contributive sul territorio nazionale e realizzano il requisito occupazionale CIGS computando i lavoratori denunciati su più matricole, l’Inps precisa che ai fini del corretto adempimento degli obblighi contributivi, deve essere fatta comunicazione alle Strutture territoriali Inps di competenza entro il mese successivo a quello nel quale si perfeziona il requisito. L’Istituto attribuisce il C.A. “3Y”, che dal periodo di competenza Luglio 2022 assume il nuovo significato di “Azienda che opera su più posizioni tenuta al versamento del contributo CIGS”.
Dal periodo di competenza Luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2022, i codici di autorizzazione “0G”, “0W” e “9E” assumono il seguente nuovo significato:
– 0G, Azienda con più di 5 dipendenti fino a 15 che opera su più posizioni tenuta al contributo FIS;
– 0W, Azienda con più di 15 dipendenti che opera su più posizioni tenuta al contributo FIS;
– 9E, Impresa commerciale (inclusa logistica), agenzia di viaggio e turismo, operatore turistico con più di 50 dipendenti che opera su più posizioni tenuta al contributo FIS.

Dalla medesima decorrenza di Luglio 2022, alle posizioni contributive dei datori di lavoro che entrano nel campo di applicazione del FIS è attribuito centralmente il C.A. “0J”. In particolare:

    

                C.S.C.                 C.A.  
                7.07.10                   Partiti politici
                1.15.04 – 1.15.05 – 1.15.06 – 7.07.05                 con “4P”                 Aziende trasporto aereo
                7.02.05                 Senza ca 7V                 Farmacie
                Tutti i C.S.C.
Per l’anno 2022 in via transitoria, il                 C.A. “0J” è assegnato anche ai datori di                 lavoro appartenenti a settori nei quali i decreti istitutivi dei                 relativi Fondi di solidarietà prevedono una soglia                 dimensionale di accesso al fondo diversa da quella prevista dalla                 legge
                Con C.A. (6L, 8V,6P, 0S, 1Z) in assenza di C.A. 6G o 2C.                 Fondi solidarietà

 

L’Inps precisa che il C.A. “3J”, avente il significato di “Impresa che occupa più di 50 dipendenti, compresi quelli denunciati su altra posizione, soggetta alla disciplina in materia di trattamento straordinario di integrazione salariale”, alla data del 1° luglio 2022 cessa la sua validità ed è eliminato centralmente dalle posizioni contributive. Dalla stessa data alle posizioni su cui si è provveduto ad eliminare il C.A. “3J” è attribuito centralmente il C.A. “3Y”.

A decorrere dal 1° luglio 2022, inoltre, ai CSC indicati di seguito è attribuito il C.A. “7B”, avente il significato di “Fondo di solidarietà bilaterale dell’Artigianato”:
– C.S.C. 4.18.03 con C.A. 5K;
– C.S.C. 4.XX.XX con C.A. 3X;
– C.S.C. 4.13.06 con C.A. 3P e 3X;
– C.S.C. 4.13.07 con C.A. 3P e 3X;
– C.S.C. 4.13.08 con C.A. 3P e 3X.
Dal periodo di competenza Gennaio 2023, centralmente saranno eliminati dalle posizioni contributive attive i codici di autorizzazione “0G”, “0W” e “9E” e sarà attribuito il C.A. “9N”, che dal periodo di competenza Gennaio 2023 assume il nuovo significato di “Azienda che opera su più posizioni con forza aziendale più 5 dipendenti tenuta al contributo FIS”.
Le imprese costituite successivamente al mese di Gennaio 2023, che opereranno con più posizioni contributive sul territorio nazionale e realizzeranno il requisito occupazionale computando i lavoratori denunciati su più matricole, dovranno darne comunicazione alle Strutture territoriali INPS di competenza per consentire l’attribuzione del C.A. “9N”.
Il C.A. “9N” può essere assegnato solo sulle posizioni contributive contrassegnate dal C.A. “0J”.
A integrazione dei C.S.C. dei partiti politici, delle farmacie e delle aziende di navigazione aerea, nella tabella sottostante si riporta l’elenco dei C.S.C. contraddistinti dal C.A. “0J” e rientranti nell’ambito di applicazione del FIS.

    

                Settore

                C.S.C.

                C.A

                Industria

                1.XX.XX;

1.15.05 – 1.15.06;

1.18.08;

1.18.09;

1.21.01.

                4A; 1D; 1E; 1F.

2E.

                Enti

                2.XX.XX

                con 0V (o comunque non pubblica amministrazione)

                Credito,

Assicurazioni,

Tributi

                6.01.XX;

6.02.XX;

6.03.01.

                escluso se 3D o 3F.

escluso se 2V.

con 1L (se non rientranti nel Regolamento del                 Fondo di solidarietà Tributi).

                Terziario

                7.01.XX – 7.02.XX – 7.03.01 7.04.01- 7.05.01 – 7.05.02 -7.05.03 –                 7.05.04 – 7.06.01 – 7.06.02 – 7.07.01 – 7.07.02 – 7.07.04 –                 7.07.05 – 7.07.06 – 7.07.07;

7.07.03;

7.07.08;

7.07.XX;

7.07.09.

escluso se 9U.

escluso se 9°.

con 4A

 

L’Inps sottolinea, che rientrano nel campo di applicazione del FIS anche le aziende industriali a capitale interamente pubblico, in quanto escluse dalla disciplina della CIGO e della CIGS, ove non rientranti nel campo di applicazione di Fondi di solidarietà bilaterali.
Altresì, rientrano nel campo di applicazione del FIS i giornalisti professionisti, i pubblicisti, i praticanti, ove dipendenti di datori di lavoro destinatari del FIS, in quanto esclusi dalle tutele della CIGO e da quelle del settore editoria. Parallelamente, ove detti giornalisti siano dipendenti da datori di lavoro rientranti nel campo di applicazione dei Fondi di solidarietà, in relazione agli stessi sussiste l’obbligo di versamento della contribuzione di finanziamento ai predetti Fondi di solidarietà.

 

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query