Contributi a fondo perduto per sale da ballo, discoteche e locali assimilati

    

                                    

    

28 GIU 2022 Tenuto conto delle risorse disponibili e del fabbisogno derivante dalle istanze presentate a tutto il 20 giugno 2022, si rende noto che il contributo a fondo perduto è pari a 22.002 euro per ciascun beneficiario (AGENZIA DELLE ENTRATE – Provvedimento 27 giugno 2022, n. 244635)

Il fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse, in conseguenza delle misure di prevenzione adottate a seguito del Covid-19, è stato rifinanziato in misura pari a 20 milioni di euro per l’anno 2022.
Fino al 10 febbraio 2022 sono state sospese le attività che si svolgono in sale da ballo, discoteche e locali assimilati.
Il DM del Mise, di concerto con il Mef, del 9 settembre 2021, relativamente ai soggetti che svolgono in via prevalente l’attività individuata dal codice ATECO 2007 “93.29.10 – Discoteche, sale da ballo, night-club e simili”, ha previsto che le risorse finanziarie siano ripartite in egual misura tra i soggetti richiedenti, con un limite massimo pari a 25.000 euro. Lo stesso decreto ha previsto che il contributo sia richiesto tramite istanza da presentare all’Agenzia delle entrate per via telematica, secondo modalità e termini definiti con provvedimento del Direttore dell’Agenzia, e sia corrisposto mediante accredito diretto sul conto corrente bancario o postale indicato dal richiedente nell’istanza.
Il provvedimento del Direttore dell’Agenzia, emanato il 18 maggio 2022, ha previsto, tra l’altro:
– che l’istanza per l’accesso al contributo è presentata dal 6 al 20 giugno 2022;
– che l’Agenzia, sulla base dei dati presenti nell’istanza e prima di erogare il contributo, effettuerà alcuni controlli rispetto alle informazioni presenti in Anagrafe tributaria. Tali controlli potrebbero comportare lo scarto dell’istanza e la mancata erogazione del contributo;
– che l’Agenzia delle entrate procede a ripartire, in egual misura per ciascun soggetto beneficiario, il contributo, rapportando l’importo di finanziamento stabilito dall’articolo 1, comma 1, del decreto legge 27 gennaio 2022, n.4, all’ammontare complessivo dei contributi richiesti con le istanze che hanno superato i controlli, con un limite massimo di 25.000 euro per ciascun soggetto beneficiario;
– che l’ammontare del contributo riconosciuto a ciascuna impresa è pari al minore tra l’importo determinato a seguito della ripartizione di cui sopra e l’importo residuo di aiuti ancora fruibili, indicato dal soggetto richiedente nell’istanza nel riquadro presente in corrispondenza della lettera B, in relazione ai limiti previsti dalla sezione 3.1 della Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”, come modificata dalla Comunicazione del 18 novembre 2021 C(2021) 8442.
Tanto premesso, tenuto conto delle risorse disponibili e del fabbisogno derivante dalle istanze presentate a tutto il 20 giugno 2022, con il provvedimento in oggetto si rende noto che il contributo a fondo perduto è pari a 22.002 euro per ciascun beneficiario.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query