Da PagoPA passano le informazioni dalla banca al fisco dei pagamenti con POS

    

                                            

    

01 LUG 2022 Gli operatori finanziari che mettono a disposizione degli esercenti attività d’impresa, arte o professione, gli strumenti di pagamento elettronico comunicano, all’Agenzia delle entrate, tramite PagoPa, i dati identificativi dei Pos forniti e gli importi complessivi degli incassi giornalieri effettuati tramite ogni singolo terminale (Agenzia Entrate – provvedimento 30 giugno 2022 n. 253155).

Ai sensi dell’art. 22, co. 5, D.L. n. 124/2019, conv., con modif., dalla L. n. 157/2019, i prestatori di servizi di pagamento autorizzati che svolgono la propria attività nel territorio nazionale e che, mediante un contratto di convenzionamento, consentono l’accettazione dei pagamenti elettronici effettuati in relazione a cessioni di beni e prestazioni di servizi, anche prevedendo la messa a disposizione degli esercenti di sistemi atti a consentire tale accettazione, sono tenuti a trasmettere le seguenti informazioni:

– il codice fiscale e, se disponibile, la partita IVA dell’esercente convenzionato e il codice univoco del contratto di convenzionamento con il prestatore di servizi di pagamento;

– il codice ABI ovvero il codice fiscale del prestatore di servizi di pagamento obbligato alla trasmissione;

– il codice identificativo univoco, assegnato da PagoPA, del soggetto che trasmette le informazioni;

– l’identificativo univoco dello strumento di pagamento, fisico o virtuale, attraverso cui l’esercente accetta la transazione elettronica;

– la tipologia di operazione, distinta tra pagamento e storno pagamento;

– la data di trasmissione delle operazioni da parte del prestatore di servizi di pagamento;

– la data contabile delle operazioni;

– l’importo complessivo giornaliero delle transazioni elettroniche effettuate dall’esercente;

– il numero giornaliero delle transazioni elettroniche effettuate dall’esercente.

La trasmissione dei suddetti dati avviene con PagoPA entro il secondo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazione della transazione.

La prima trasmissione delle informazioni, riferite alle transazioni contabilizzate dal 1° settembre 2022, deve essere effettuata entro il 5 settembre 2022, mentre entro il 31 ottobre 2022, devono essere trasmesse le informazioni riferite alle transazioni contabilizzate nel periodo dal 1° gennaio al 31 agosto 2022.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query