Determinazione annuale dell’EVR nell’edilizia industria di Cuneo

 

    

Siglato il 23 maggio 2022, tra l’Ance Cuneo assistita da Confindustria Cuneo e la FENEAL-UIL, la FILCA-CISL, la FILLEA-CGIL, l’accordo collettivo provinciale per la verifica e determinazione annuale dell’EVR.

In applicazione di quanto stabilito dal sopracitato Accordo Provinciale del 17 febbraio 2017, le Parti si sono incontrate per analizzare l’andamento degli indicatori e hanno convenuto, sulla base di quanto riportato al punto precedente, che per il periodo 1° gennaio 2022 – 31 dicembre 2022, sussistano le condizioni per l’erogazione dell’EVR, seppure in misura parziale.
Considerato che 3 dei 4 indicatori presi a riferimento risultano positivi, l’ammontare dell’EVR riconosciuto a livello provinciale sarà pari al 75% del 4%, ovvero al 3% del minimo retributivo mensile in vigore alla data del 1° luglio 2014.

    

                Livello

                Minimo al 1/7/2014

                3%

                7

                1.630,71

                48,92

                6

                1.467,63

                44,02

                5

                1.223,02

                36,69

                4

                1.141,51

                34,24

                3

                1.059,96

                31,79

                2

                953,97

                28,61

                1

                815,36

                24,46

 

Ogni impresa iscritta alla Cassa Edile della Provincia di Cuneo procederà al calcolo dei seguenti due parametri aziendali, con le medesime modalità temporali definite a livello territoriale, di cui sopra:
– Ore di lavoro denunciate in cassa Edile;
– Volumi di affari IVA, così come rilevabile dalle dichiarazioni annuale IVA.
Qualora i suddetti due parametri risultino entrambi pari o positivi rispetto al triennio precedente, l’Azienda provvederà ad erogare l’EVR nella misura stabilita a livello provinciale, a decorrere dal 1° giugno 2022, unitamente agli arretrati dal mese di gennaio 2022.
Tali arretrati verranno corrisposti in due tranches, di pari importo, delle quali la prima verrà erogata con la retribuzione relativa al mese di giugno 2022, erogata nel mese di luglio 2022, e la seconda con la retribuzione relativa al mese di agosto 2022, erogata nel mese di settembre 2022.
Qualora a livello aziendale uno solo dei parametri risultasse negativo, l’Azienda si avvarrà della possibilità di applicazione dell’EVR in misura ridotta, secondo quanto previsto dall’art. 38 del vigente CCNL (52,5% del 3% e, cioè, 1,575%, del minimo retributivo mensile in vigore alla data del 1° luglio 2014.)

    

                Livello

                Minimo all’1/7/2014

                52,5% del 3%

                7

                1.630,71

                25,68

                6

                1.467,63

                23,11

                5

                1.223,02

                19,26

                4

                1.141,51

                17,97

                3

                1.059,96

                16,69

                2

                953,97

                15,02

                1

                815,36

                12,84

 

Laddove entrambi i parametri a livello aziendale risultassero negativi, l’E.V.R. non sarà erogato.

 

Condividi:

Altre Notizie

IVA e trasferimento di terreni edificabili

                                             07 LUG 2022 Con la risposta n. 365 del 6 luglio 2022, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti sul trattamento fiscale ai fini Iva relativo al trasferimento di immobili catastalmente individuati come terreni,

Leggi tutto »

ARTIGIANATO: prorogata la prevenzione San.Arti

                                                       Fino al 31 dicembre 2022, i dipendenti delle imprese artigiane iscritti al fondo di assistenza sanitaria San.Arti, possono usufruire gratuitamente di tutti i 4 Pacchetti di prevenzione del Piano

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query