Disoccupazione lavoratori autonomi dello spettacolo: chiarimenti

    

                                            

    

06 LUG 2022 Con il Messaggio n. 2694 del 5 luglio 2022 l’Inps ha fornito chiarimenti sulla contribuzione relativa all’indennità di disoccupazione dei lavoratori autonomi dello spettacolo applicabile per i mesi da gennaio ad aprile 2022 e le istruzioni per gli adempimenti necessari alla regolarizzazione.

Con il Decreto Sostegni-bis è stata introdotta una nuova indennità per la disoccupazione involontaria – denominata ALAS – in favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo, ivi compresi i lavoratori autonomi esercenti attività musicali.
A decorrere dal 1° gennaio 2022 i datori di lavoro/committenti che instaurano rapporti di lavoro autonomo, ivi compresi quelli di collaborazione, con lavoratori dello spettacolo sono tenuti a versare la contribuzione di finanziamento dell’indennità ALAS.
L’aliquota di contribuzione ALAS è del 2 per cento.
In proposito, con il precedente Messaggio n. 2260 del 30 maggio 2022 l’Inps ha fornito istruzioni sulle modalità di applicazione dei contributi ALAS, tenuto conto anche delle riduzioni contributive previste per i datori di lavoro/committenti che instaurano rapporti di lavoro autonomo con soggetti per i quali è previsto l’obbligo di assicurazione al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo.
In particolare, l’Istituto ha precisato che:
“per i datori di lavoro/committenti che instaurano rapporti di lavoro autonomo con soggetti per i quali è previsto l’obbligo di assicurazione al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, la misura del contributo di finanziamento dell’indennità di disoccupazione ALAS è pari all’1,06 per cento dell’imponibile contributivo.
Al contempo, il contributo di finanziamento dell’assicurazione di malattia – fino al 31 dicembre 2021 dovuto nella misura dell’1,28 per cento, in quanto oggetto di riduzione – è calcolato nella misura piena del 2,22 per cento.
I suddetti datori di lavoro/committenti, quindi, devono versare la contribuzione ALAS, pari all’1,06%, con il codice “M219” per i mesi da gennaio ad aprile 2022. Il versamento di tale contribuzione potrà avvenire con le denunce di competenza dei mesi di maggio, di giugno e di luglio 2022.”.

Ad integrazione delle suddette istruzioni, l’Inps chiarisce che i medesimi datori di lavoro/committenti devono provvedere, per i medesimi periodi (da gennaio ad aprile 2022), al versamento del differenziale di contribuzione di malattia (pari allo 0,94%, ossia 2,22% – 1,28%). A tal fine, il flusso Uniemens deve essere compilato con le seguenti modalità:
– all’interno di <DenunciaIndividuale> <DatiRetributivi> <AltreADebito> <CausaleADebito> deve essere indicato il codice “M220” (Versamento differenziale di contribuzione di malattia);
– nell’elemento <AltroImponibile> deve essere indicato l’imponibile soggetto a contribuzione;
– nell’elemento <ImportoADebito> deve essere indicato l’importo della differenza di contribuzione da versare pari allo 0,94% dell’imponibile entro il limite del massimale giornaliero che, per l’anno 2022, è determinato nella misura di 100,00 euro.
Il versamento di tale contribuzione può essere effettuato con le denunce di competenza dei mesi di luglio, agosto e settembre 2022.

Resta fermo che per i lavoratori autonomi esercenti attività musicali (c.s.c. 7.07.11) e per i committenti appartenenti al novero delle pubbliche Amministrazioni (identificati dal c.s.c. 1.18.10), la contribuzione da versare con il codice “M219”, per i periodi da gennaio a maggio 2022, deve essere calcolata applicando l’aliquota del 2%.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query