DL Ristori: le novità in tema di lavoro

Novità del Decreto Ristori: 770, CIG, indennità una tantum, blocco dei licenziamenti e contributi previdenziali

Via libera al cd. Decreto Ristori approvato ieri in Consiglio dei ministri sulle ulteriori misure urgenti per la tutela della salute e per il sostegno ai lavoratori e ai settori produttivi, nonché in materia di giustizia e sicurezza connesse all’epidemia da COVID-19. Le novità riguardano principalmente temi quali 770, CIG, indennità una tantum, blocco dei licenziamenti e contributi previdenziali.
Da segnalare in prima battuta la proroga del mod. 770, dal 2 novembre 2020 (il 31 ottobre cade di sabato) al 30 novembre 2020. A prevederlo l’art. 11 della bozza del decreto legge. Si tratta della dichiarazione fiscale dei sostituti d’imposta per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate le ritenute operate su diversi redditi, come ad esempio: redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi.
In tema di integrazione salariale, disposte ulteriori 6 settimane di CIG, in deroga e di assegno ordinario legate all’emergenza COVID-19, da usufruire tra il 16 novembre 2019 e il 31 gennaio 2021. Incluse le imprese che hanno esaurito le precedenti settimane di cassa integrazione e quelle soggette a chiusura o limitazione delle attività economiche. È prevista, inoltre, un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato. Prorogato il blocco dei licenziamenti che si allunga di un  mese: dal 31 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021. Per i soggetti meno abbienti colpiti dalla crisi economica il Governo ha prorogato il Reddito di emergenza per ulteriori due mensilità. Infine, per quanto concerne il versamento dei contributi previdenziali, l’Esecutivo ha previsto un esonero parziale. Nello specifico, l’esonero si determina in base alla perdita di fatturato ed è pari al 50% dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione del fatturato inferiore al 20%; al 100% dei contributi previdenziali per i datori che hanno subito una riduzione del fatturato pari o superiore al 20%.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query