ENPACL: comunicazione annuale online entro il 30/09

    

05 SET 2022 Nell’area riservata dei “Servizi ENPACL on line” è stata attivata la procedura che deve essere utilizzata dai consulenti del lavoro per presentare la dichiarazione annuale del volume d’affari IVA e del reddito professionale prodotti nell’anno 2021. (ENPACL – Comunicato 01 settembre 2022).

I Consulenti del Lavoro iscritti all’ENPACL, compresi i pensionati, sono tenuti a corrispondere annualmente il contributo soggettivo, calcolato pari al 12 per cento del reddito professionale prodotto in forma individuale o associata nell’anno precedente. Gli iscritti agli Albi provinciali dei Consulenti del Lavoro devono applicare una maggiorazione percentuale pari al 4 per cento su tutti i compensi relativi all’esercizio dell’attività professionale di Consulente del Lavoro.
Entro il 30 settembre 2022, tutti i Consulenti del Lavoro che risultino iscritti, anche per frazione d’anno all’Albo professionale, devono comunicare all’ENPACL, esclusivamente in via telematica, l’ammontare del reddito professionale e del volume d’affari ai fini IVA, conseguito e prodotto nell’anno precedente, al fine di determinare i contributi dovuti (soggettivo e integrativo).

L’Ente ha reso noto che dal 1° settembre 2022 è disponibile nei “Servizi ENPACL on line” la procedura per rendere la dichiarazione obbligatoria del volume d’affari IVA e del reddito professionale prodotti nell’anno 2021.
A tal fine è necessario accedere alla propria area riservata del sito web istituzionale dell’ENPACL tramite SPID, CIE o CNS.
Una volta completata la dichiarazione annuale, bisogna collegarsi alla sezione “Contribuzione”, voce “Obbligatoria anno 2022”.

Il modello telematico è unico, diviso in apposite sezioni, per consentire un’agevole compilazione sia per coloro che svolgono l’attività in modo individuale sia per coloro che la svolgono in forma associata.

La dichiarazione deve essere comunque effettuata, anche nei casi di reddito pari a zero, di assenza di partita IVA o di volume d’affari pari a zero.

I Consulenti del Lavoro cancellati nel 2021 sono comunque tenuti alla presentazione della dichiarazione entro il 30 settembre 2022.

In caso di decesso del Consulente del Lavoro, i termini per la comunicazione obbligatoria annuale e il relativo versamento sono differiti di 6 mesi. Tali adempimenti devono essere eseguiti dagli eredi. In caso di presenza di più eredi, potrà essere delegato uno di essi.

CONTRIBUTO SOGGETTIVO

Il contributo soggettivo è calcolato in misura pari al 12 per cento del reddito professionale prodotto in forma individuale o associata nell’anno precedente, fermo restando il rispetto di limiti massimi e minimi. Il contributo è rapportato a mese, in relazione al periodo di effettiva iscrizione all’Ente nell’anno solare.

I giovani che si iscrivono all’Ente per la prima volta con età inferiore ai 35 anni, per l’anno di iscrizione e per i 4 anni successivi, versano il contributo soggettivo con l’applicazione dell’aliquota pari al 6% anziché al 12%. Tale riduzione è prevista anche in caso di contribuzione soggettiva dovuta nella misura minima. Ai fini della riduzione non è necessaria alcuna richiesta e il neo iscritto ha facoltà, a domanda, di farsi applicare l’aliquota intera, con decorrenza dal mese successivo alla richiesta.

I pensionati che restano iscritti all’Ente possono ottenere, a domanda, il dimezzamento dell’aliquota contributiva (6% anziché 12%). La riduzione può essere richiesta in occasione della presentazione della comunicazione obbligatoria e decorre dalla data di pensionamento ovvero, per gli anni successivi, dal 1° gennaio dell’anno della richiesta. Il supplemento di pensione è calcolato conteggiando sia il contributo soggettivo che l’integrativo effettivamente corrisposto.

I lavoratori dipendenti (o iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria) versano il contributo soggettivo con l’aliquota ordinaria, poiché non è prevista alcuna riduzione.

CONTRIBUTO INTEGRATIVO

Il contributo integrativo è calcolato in misura pari al 4 per cento su tutti i compensi relativi all’esercizio dell’attività professionale di Consulente del Lavoro. Il contributo deve essere applicato anche sui corrispettivi derivanti da attività svolte nel campo fiscale, tributario e contabile e su quelli derivanti dall’attività di amministratore, revisore o sindaco di società o enti.
Il contributo integrativo deve essere riversata all’Ente indipendentemente dall’avvenuto pagamento da parte del cliente, nei confronti del quale il Consulente del Lavoro ha diritto di rivalsa.

I Consulenti del Lavoro facenti parte di associazioni o società tra professionisti devono versare la maggiorazione del 4% per la quota di volume d’affari di competenza di ogni associato iscritto all’Albo dei Consulenti del Lavoro.

Il professionista che assiste un CED dovrà applicare il 4% anche sulle fatture emesse per la sua prestazione verso il CED stesso.

Per i consulenti del lavoro in regime fiscale di vantaggio (ex art. 27 D. L. 98/2011) e regime forfetario (L. 190/2014), il contributo è calcolato sul “totale dei componenti positivi”.

CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA 2022

            Anno2022

            CONTRIBUTO SOGGETTIVO

(massimale € 103.906)

            CONTRIBUTO

INTEGRATIVO

            DICHIARAZIONE OBBLIGATORIA IVA e REDDITO

            CONTRIBUZIONE SPONTANEA

            CONTRIBUTO DI MATERNITA’ (€ 56,10)

            MINIMO

(€ 2.231 – € 1.116)

            ECCEDENZA

(da 1 a 4 rate)

            MINIMO

(€ 324)

            ECCEDENZA

(da 1 a 4 rate)

            Gennaio

            Autorizzata fino a 15 giorni prima della pubblicazione on line             della procedura software per la dichiarazione annuale

            Febbraio

            Marzo

            Aprile

            Lunedì 2 Maggio

            25%

            –

            –

            –

            –

            –

            Giovedì 30 Giugno

            25%

            –

            –

            –

            –

            –

            Luglio

            –

            –

            –

            –

            –

            –

            Mercoledì 31 Agosto

            –

            –

            –

            –

            –

            –

            Venerdì 30 Settembre

            25%

            Saldo oppure Rata

            100%

            Saldo oppure Rata

            2021

            No

            100%

            Lunedì 31 Ottobre

            –

            Rata

            –

            Rata

            –

            No

            –

            Mercoledì 30 Novembre

            25%

            Rata

            –

            Rata

            –

            No

            –

            Mercoledì 21 Dicembre

            –

            Rata

            –

            Rata

            –

            No

            –

 

Condividi:

Altre Notizie

CCNL Gas-Acqua: sottoscritta l’ipotesi di accordo

                                                       Raggiunta, il 30 settembre 2022, tra Anfida, Proxigas, Utilitalia e Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, l’intesa per il rinnovo del CCNL del settore Gas-Acqua scaduto il 31 dicembre

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query