Indennità una tantum 200 euro: attivo il servizio di presentazione domande

    

                                    

    

28 GIU 2022 L’Inps ha attivato il servizio online di presentazione delle domande per la richiesta dell’indennità una tantum di 200 euro prevista per i beneficiari che appartengono alle “altre categorie di lavoratori”, che accedono al beneficio solo con apposita richiesta (Inps – Messaggio 27 giugno 2022, n. 2580).

Per alcune categorie di lavoratori (beneficiari) l’accesso all’indennità una tantum di 200 euro è subordinato alla presentazione di apposita domanda. Si tratta di:

– titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all’articolo 409 del codice di procedura civile, iscritti alla Gestione separata Inps, il cui contratto risulti attivo alla data del 18 maggio 2022, e con un reddito per l’anno 2021 derivante dai suddetti rapporti di collaborazione non superiore a 35.000 euro;

– lavoratori dipendenti stagionali, a tempo determinato e intermittenti, inclusi i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo, che abbiano svolto nell’anno 2021 almeno 50 giornate di lavoro effettivo nell’ambito di uno o più rapporti di lavoro di tipo stagionale e/o a tempo determinato e/o di tipo intermittente, con un reddito per l’anno 2021, derivante dai suddetti rapporti di lavoro non superiore a 35.000 euro;

– lavoratori, sia autonomi che dipendenti, iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo, che nell’anno 2021 abbiano cumulato almeno 50 contributi giornalieri versati nel predetto Fondo e percepito un reddito derivante da rapporti di lavoro nello spettacolo non superiore a 35.000 euro;

– lavoratori autonomi che, dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021, siano stati titolari di contratti autonomi occasionali di cui all’articolo 2222 del codice civile, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, con almeno un contributo mensile accreditato per l’anno 2021, che risultino iscritti alla Gestione separata Inps alla data del 18 maggio 2022;

– incaricati alle vendite a domicilio di cui all’articolo 19 del D.lgs 31 marzo 1998, n. 114, che abbiano percepito nell’anno 2021 un reddito derivante dalle attività in questione superiore a 5.000 euro e risultino iscritti alla Gestione separata Inps alla data del 18 maggio 2022;

– lavoratori domestici che abbiano in essere uno o più rapporti di lavoro alla data del 18 maggio 2022 e per i quali risulti attiva l’iscrizione del rapporto di lavoro nella Gestione dei Lavoratori domestici dell’INPS, con reddito personale assoggettabile ad IRPEF, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali, non superiore a 35.000 euro, a condizione che non siano titolari: di attività da lavoro dipendente non riconducibile alla gestione del lavoro domestico, di uno o più trattamenti pensionistici e di accompagnamento alla pensione.

A decorrere dal 27 giugno 2022 è attivo il servizio online che consente ai suddetti beneficiari, in possesso dei requisiti, di presentare la domanda di accesso all’indennità una tantum di 200 euro.

Le credenziali di accesso al servizio per la presentazione della domanda di indennità una tantum sono:
–  SPID di livello 2 o superiore;
– Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
– Carta nazionale dei servizi (CNS).
In alternativa al portale web, è possibile inoltrare le domande tramite il servizio di Contact Center Multicanale, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori). Per l’accesso ai servizi dell’INPS tramite il Contact Center Multicanale è necessario munirsi del PIN telefonico temporaneo che potrà essere generato accedendo all’apposita sezione dell’area riservata “MyInps”.
Inoltre, è possibile presentare domanda attraverso gli Istituti di Patronato, utilizzando i servizi offerti dagli stessi.

È possibile presentare la domanda accedendo alla sezione “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche” raggiungibile dalla home page del sito web dell’Istituto www.inps.it, seguendo il percorso “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”.
Una volta autenticati è necessario selezionare la categoria di appartenenza per la quale si intende presentare domanda fra:
– Indennità una tantum per i lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
– Indennità una tantum per i lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
– Indennità una tantum per i lavoratori autonomi occasionali;
– Indennità una tantum per i lavoratori domestici;
– Indennità una tantum per i lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti (compresi i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo);
– Indennità una tantum per i lavoratori incaricati alle vendite a domicilio.

I lavoratori domestici possono presentare la domanda fino al 30 settembre 2022; per le altre categorie di lavoratori sopra richiamate il termine di presentazione è stabilito al 31 ottobre 2022.

Una volta presentata la domanda, accedendo alla medesima procedura, sarà possibile consultare le ricevute e i documenti prodotti dal sistema, monitorare lo stato di lavorazione della domanda e aggiornare le informazioni relative alle modalità di pagamento, ove necessario.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query