Invalidità civile, più facile scegliere il pagamento

INPS semplifica la scelta della modalità di pagamento per la domanda di invalidità civile

INPS annuncia una semplificazione nella fase di compilazione della modalità di pagamento per la domanda di invalidità civile: nelle schermate relative all’inserimento dei dati utili per la fase concessoria (Quadro F), non è più obbligatorio inserire il codice IBAN o la specifica modalità di pagamento se già si riceve dall’INPS una prestazione economica di tipo pensionistico. L’Istituto lo ha reso noto con messaggio n. 3843 del 22 ottobre 2020. La procedura, individuando altre prestazioni pensionistiche in pagamento, propone automaticamente le medesime modalità di pagamento senza necessità di inserire  ulteriori dati. Resta la possibilità per l’utente di modificare la modalità di pagamento esposta. Per importi superiori ai 1.000 euro la corresponsione del beneficio può avvenire esclusivamente attraverso strumenti di pagamento elettronici  quali conti correnti bancari e postali, libretti nominativi di risparmio, carte di pagamento.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query