Iva al 5% solo per la somministrazione di gas

    

                                            

    

08 LUG 2022 L’aliquota Iva ridotta al 5% è applicabile, in via temporanea, sia alle somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali, ordinariamente assoggettate all’aliquota del 10%, sia a quelle per usi civili (che superano il limite annuo di 480 metri cubi) ed industriali ordinariamente assoggettate all’aliquota del 22%, sia al gas ad uso autotrazione. L’Iva ridotta non si estende ai servizi accessori o sulla quota fissa della tariffa, che devono essere assoggettate ad aliquota ordinaria (Agenzia Entrate – risposta 07 luglio 2022, n. 368).

Il DL Energia ha ridotto temporaneamente al 5%, l’aliquota IVA applicabile alle somministrazioni del gas metano per combustione per usi civili e industriali.

A riguardo, l’Agenzia delle Entrate con la circolare del 03 dicembre 2021 n. 17, relativamente all’ambito oggettivo e temporale di applicazione dell’agevolazione, ha chiarito che l’aliquota la 5% trova applicazione per le somministrazioni di gas contabilizzate nelle fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di ottobre. Qualora le somministrazioni siano contabilizzate sulla base di consumi stimati, l’aliquota Iva del 5% si applica anche alla differenza derivante dagli importi ricalcolati sulla base dei consumi effettivi riferibili, anche percentualmente, ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2021.

L’agevolazione è stata poi prorogata:

– dalla Legge di Bilancio 2022 con riferimento alle somministrazioni contabilizzate nelle fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022;

– dal DL Energia-bis, con riferimento alle somministrazioni contabilizzate nelle fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di aprile, maggio e giugno 2022;

– dal DL Energia-ter, con riferimento alle somministrazioni contabilizzate nelle fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di luglio, agosto e settembre 2022.

Per espressa disposizione normativa, la definizione degli “usi” cui è destinato il gas metano deve essere mutuata, anche ai fini della disciplina IVA, dalle disposizioni del Testo unico delle accise (D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 504).

Ai sensi dell’art. 26, co. 2 e 3, del TUA:

– nella nozione “usi civili”, sono ricompresi anche gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, nei locali delle imprese industriali, artigiane e agricole, posti fuori dagli stabilimenti, dai laboratori e dalle aziende dove viene svolta l’attività produttiva, nonché alla produzione di acqua calda, di altri vettori termici o di calore, non utilizzati in impieghi produttivi dell’impresa, ma ceduti a terzi per usi civili;

– nella nozione “usi industriali”, sono ricompresi gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, in tutte le attività industriali produttive di beni e servizi e nelle attività artigianali ed agricole, nonché gli impieghi nel settore alberghiero, nel settore della distribuzione commerciale, negli esercizi di ristorazione, negli impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro, nel teleriscaldamento alimentato da impianti di cogenerazione. Si considerano, altresì, compresi negli usi industriali, anche quando non é previsto lo scopo di lucro,

gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, nelle attività ricettive svolte da istituzioni finalizzate all’assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti.

Per quanto sopra evidenziato, l’aliquota IVA ridotta al 5% è quindi applicabile, in via temporanea, sia alle somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali ordinariamente assoggettate all’aliquota del 10%, sia a quelle sia a quelle per usi civili (che superano il limite annuo di 480 metri cubi) e industriali ordinariamente assoggettate all’aliquota del 22%.

Ai sensi dell’art. 1-bis, D.L. n. 21/2022, dal 3 maggio 2022 all’8 luglio 2022, è stata prevista l’aliquota del 5% anche per il gas ad uso autotrazione. Restano, invece, esclusi i servizi accessori o la quota fissa della tariffa.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query