RAI: Accordo “evoluzione profili professionali”

    

                                            

    

05 LUG 2022 In data 30 giugno 2022, si sono incontrate la Direzione Risorse Umane e le Organizzazioni Sindacali SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, FNC UGL, SNATER e LIBERSIND-CONFSAL, come previsto dal verbale di accordo del 23 dicembre 2021, per un approfondimento in merito all’evoluzione del profilo professionale dell’aiuto-regista-assistente alla regia rispetto al nuovo profilo del programmista multimediale.

Le Parti, nel verbale di accordo sottoscritto il 23 dicembre 2021, avevano preso atto che a seguito della sottoscrizione del CCL del 28/2/2018, a decorrere dall’1/1/2022 si prevedeva la confluenza, per gli ambiti diversi dalle testate, dei profili del programmista, assistente ai programmi e aiuto regista-assistente alla regia nel nuovo profilo del “programmista multimediale”, previa verifica da effettuarsi inizialmente entro il 30/6/2021, ma più volte rinviata fino ad oggi.

Ciò posto, le Parti incontratesi il 30 giugno 2022, concordano di sospendere l’attuazione della modifica contrattuale in esame, stabilendo che l’aiuto-regista-assistente alla regia manterrà per ora una sua identità autonoma, non confluendo nel nuovo profilo di programmista multimediale e conservando l’attuale percorso di carriera che si sviluppa dal livello di ingresso, livello 5, fino al livello apicale, che resta al momento confermato al 2. Si conferma inoltre che al profilo viene applicato l’iter del diplomato, con relativa progressione dal livello 5 al livello 3, e viene riconosciuta l’indennità maggiori prestazioni al momento del passaggio al livello 2 (di natura discrezionale).

In questa fase e fino alle eventuali modifiche che potranno essere introdotte dal prossimo rinnovo contrattuale, resta confermato che per l’aiuto regista di livello 2, l’ulteriore sviluppo di carriera previsto è verso il ruolo di regista – programmista multimediale (produzioni di media complessità), ovviamente laddove la risorsa svolga effettivamente tale mansione; trattandosi della naturale evoluzione del profilo, per tale sviluppo non è previsto l’accertamento di idoneità alla mansione.

Le Parti, infine, condividono l’obiettivo di procedere, con il prossimo accordo di rinnovo contrattuale, al completamento dell’impianto classificatorio, prevedendo il raggiungimento del livello 1 per tutti i profili professionali.

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query