Rapporti di parentela in azienda: obbligo di denuncia in sede di iscrizione

    

                                            

Rapporti di parentela in azienda: obbligo di denuncia in sede di iscrizione

18 LUG 2022 Ai fini dell’inquadramento previdenziale, nel modulo di iscrizione azienda sono richieste le informazioni inerenti prestazioni di lavoro svolte da parenti e affini conviventi (Inps – Messaggio 14 luglio 2022, n. 2819).

Nell’ipotesi di prestazioni di lavoro tra parenti e affini conviventi, in virtù del vincolo che lega i soggetti coinvolti e della relativa comunione di interessi, la prestazione lavorativa si presume a titolo gratuito ed è, pertanto, necessario verificare l’eventuale sussistenza dei requisiti della subordinazione.
Gli elementi utili o indici oggettivi che consentono di riconoscere l’effettivo inserimento organizzativo e gerarchico del parente/affine nella organizzazione aziendale, qualificando il rapporto come subordinato sono:
– l’onerosità della prestazione;
– la presenza costante presso il luogo di lavoro previsto dal contratto;
– l’osservanza di un orario coincidente con quello dell’attività economica;
– il programmatico valersi da parte del titolare della prestazione lavorativa del familiare;
– la corresponsione di un compenso a cadenze fisse.
Al fine di individuare e monitorare i rapporti di lavoro caratterizzati da legami di coniugio, parentela o affinità tra lavoratore e datore di lavoro, l’Inps ha implementato il modulo “Iscrizione Azienda” inserendo il nuovo campo “Dichiarazione di parentela”.

In fase di prima iscrizione, il datore di lavoro deve dichiarare se tra i lavoratori assunti siano presenti soggetti ai quali lo stesso è legato da rapporti di coniugio, di parentela entro il terzo grado o di affinità entro il secondo grado.
In tal caso, deve essere indicato nell’apposito campo il codice fiscale del lavoratore e nel menu a tendina il tipo di relazione che lega datore di lavoro e dipendente.
La dichiarazione viene richiesta nelle ipotesi in cui nell’istanza di iscrizione venga selezionata una delle seguenti forme giuridiche:
– Azienda agricola;
– Impresa familiare;
– Impresa individuale;
– Persona fisica;
– Proprietario di fabbricato;
– Società di fatto;
– Società in accomandita semplice;
– Società in nome collettivo;
– Società semplice;
– Studio (professionale).

Condividi:

Altre Notizie

Approvato il decreto Aiuti-bis

                                                  ”      05 AGO 2022 La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il comunicato del 4 agosto 2022, n. 92, rende noto che è stato approvato il decreto-legge che introduce

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query