Repechage e sedi aziendali

L’onere di repechage ridotto alle sedi aziendali indicate dal lavoratore

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo incombe sul datore di lavoro l’allegazione e la prova dell’impossibilità di ripescare il lavoratore licenziato e, nel caso in cui il lavoratore si dichiari disponibile a prendere servizio esclusivamente in determinate aree geografiche opportunamente individuate, il predetto onere di repechage si riduce alle sole sedi aziendali indicate e non già all’intero complesso aziendale. Il caso affrontato dalla Corte di Cassazione nella sentenza 16 marzo 2021, n. 7360, conferma la pronuncia del giudice di seconde cure secondo cui erano stati opportunamente provati i motivi addotti nel licenziamento comminato, tali per cui il giudicante ha ritenuto sussistenti – nel merito – il calo di fatturato e l’effettiva contrazione della produzione con successiva chiusura del punto vendita ove era stabilmente occupato il lavoratore. Conforme al costante orientamento giurisprudenziale, la successiva verifica relativa all’adempimento dell’obbligo di ricollocare, ove possibile, il lavoratore anche in altre sedi dell’impresa.  Nonostante l’onere di allegazione deve intendersi esteso a tutte le sedi aziendali, ove il lavoratore faccia espressa richiesta di essere disposto al trasferimento presso sedi collocate in determinate aree geografiche, l’onere della prova circa l’effettivo adempimento al predetto obbligo di repechage si restringe alle sole sedi individuate dal lavoratore, limitando ipsoa facto la tutela alla conservazione del posto di lavoro.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query