Rinnovo economico del CIPL Edilizia Industria Latina

    

20 GIU 2022 In data 13/5/2022, si sono incontrate ANCE LATINA e FENEAL-UIL Latina, FILCA-CISL Latina, FILLEA-CGIL Frosinone-Latina, per la definizione della parte economica relativa al rinnovo del CIPL 6/4/2017 della provincia di Latina, Integrativo del CCNL del 3/3/2022 per le imprese edili ed affini.

Elemento variabile retribuzione – E.V.R.
L’EVR decorre per il territorio della provincia di Latina dal 1 gennaio 2022.
La misura massima di EVR erogabile per il triennio della provincia di Latina è fissata nel 4% dei minimi contrattuali in vigore alla data di sottoscrizione del presente accordo.
Le parti sociali Territoriali entro il 15 Gennaio di ciascun anno si incontreranno per procedere all’individuazione delle specifiche incidenze ponderali dei quattro indicatori per la verifica ed il calcolo della quota economica raggiunta.
A tale scopo le medesime parti procederanno, a raffronto dei quattro parametri territoriali su base triennale effettuando la comparazione dell’ultimo triennio di riferimento con quello immediatamente precedente. Ai fini delle verifiche annuali, ogni triennio preso a base per il suddetto raffronto slitterà di un anno.
Nell’ambito del raffronto di cui ai commi precedenti, ai fini della determinazione dell’EVR provinciale per l’anno 2022, si prenderà quale base di riferimento in termini percentuali la somma delle incidenze ponderali attribuite a ciascun parametro positivo.
Per il periodo dal 1° Gennaio al 31 Dicembre 2022, la misura di E.V.R. stabilita a livello provinciale nel territorio di Latina, corrisponde al 4% dei minimi tabellari in vigore alla data del 13 maggio 2022.
L’E.V.R. non ha incidenza sui singoli istituti retributivi contrattualmente previsti (ivi compreso il TFR).
Per quanto sopra, gli importi di E.V.R. che le imprese sono tenute ad erogare ad operai e impiegati, a seguito della verifica aziendale disciplinata dal CCPL saranno i seguenti:

TABELLA UNICA: IMPRESA CON UNO O DUE PARAMETRI PARI O POSITIVI

Misura di E.V.R. a livello provinciale (4% dei minimi della paga base attualmente in vigore)

IMPIEGATI – VALORI MENSILI

    

                Livello

                Importi in Euro

                7° Livello

                75,79

                6° Livello

                68,21

                5° Livello

                56,84

                4° Livello

                53,05

                3° Livello

                49,26

                2° Livello

                44,34

                1 ° Livello

                37,89

 

OPERAI DI PRODUZIONE – VALORI ORARI

    

                Livello

                Importi in Euro

                4° Livello

                0,31

                3° Livello

                0,28

                2° Livello

                0.26

                1° Livello

                0,22

                Operai discontinui

                Guardiani senza alloggio

                0,20

                Guardiani con alloggio

                0,18

 

L’impresa non dovrà erogare l’E.V.R. nei casi in cui entrambi i parametri aziendali risultino negativi, adottando la procedura disciplinata dal presente integrativo:

1) L’impresa dovrà rendere un’auto-dichiarazione (secondo un fac-simile allegato al presente accordo) sul non raggiungimento di entrambi i parametri aziendali all’ANCE di Latina e alla Cassa Edile di Latina dandone comunicazione alle RSA e lo alle RSU ove costituite.
2) L’ANCE di Latina, ricevuta l’autodichiarazione, informerà con sollecitudine le Organizzazioni Sindacali Territoriali e, se richiesto, attiverà un confronto con le stesse per la verifica dell’autodichiarazione, da effettuarsi comunque esclusivamente sulla base della dichiarazione annuale IVA dell’impresa stessa, nonché della documentazione della Cassa Edile afferente le ore denunciate (o del libro unico del lavoro in caso di soli impiegati).
Nel caso in cui l’impresa non attivi la procedura descritta oppure si limiti all’autodichiarazione sottraendosi alla successiva fase di verifica eventualmente richiesta dalle OO.SS. è tenuta al pagamento dell’EVR nella misura stabilita a livello provinciale.
Le imprese di nuova costituzione dovranno erogare l’EVR nella misura fissata a livello territoriale.
L’erogazione dell’EVR, se dovuto e nella misura risultante dalla verifica degli indicatori territoriali e dalla successiva verifica dei parametri aziendali, sarà effettuata dall’azienda in quote mensili al personale in forza. Sul punto si precisa che, in considerazione del termine del 15 Maggio di ciascun anno entro il quale effettuare la verifica aziendale, le aziende dovranno corrispondere con il primo cedolino utile le quote mensili arretrate dell’EVR eventualmente spettanti.

Per gli operai, il calcolo dell’EVR deve essere effettuato sulle ore di lavoro ordinario effettivamente lavorate, per un massimo di 173.
Per gli impiegati, l’erogazione dell’EVR avverrà per i periodi di lavoro ordinario effettivamente prestato, per un massimo di 12 mesi.
Si precisa che ai nuovi assunti l’EVR sarà erogato pro-quota e sarà calcolato dalla data di assunzione e fino al termine dell’anno di riferimento, così come per i dipendenti il cui rapporto di lavoro dovesse cessare, l’EVR sarà erogato fino al momento dell’effettiva presenza. Per i lavoratori part time l’EVR sarà erogato sulla base delle ore effettive di lavoro (comprese eventuali ore di lavoro supplementare).
Differentemente dalle precedenti contrattazioni, si specifica che l’EVR 2022 dal 1 gennaio 2022 al 30 settembre 2022 sarà versata direttamente dalle imprese in favore dei lavoratori; viceversa, con decorrenza dal 1 ottobre 2022 l’EVR spettante ai lavoratori verrà versato dalle imprese in Cassa Edile tramite inserimento nella denuncia mensile del relativo “accantonamento provvista economica EVR”; sarà la Cassa Edile, con cadenza trimestrale, a liquidare ai lavoratori la quota economica di EVR accantonata. Si precisa che, dall’anno 2023 in poi, le Parti Sociali territoriali si incontreranno entro il 15 Gennaio di ciascun anno per determinare e verificare i parametri provinciali e pertanto le aziende continueranno regolarmente a versare la quota dell’E.V.R. in Cassa Edile in base ai sopra citati parametri provinciali. Entro il 15 di Maggio di ciascun anno, in base ai parametri aziendali, eventuali somme in eccedenza versate dalle aziende che non abbiano entrambi i parametri aziendali positivi saranno conguagliate alle stesse direttamente dalla Cassa Edile.
Il pagamento dell’E.V.R. accantonato presso la Cassa Edile dal 2023 in poi verrà liquidato in favore dei lavoratori con cadenza semestrale.
Si specifica che il mancato versamento dell’accantonamento provvista economica EVR verrà valutato ai fini della regolarità del DURC.

Mensa
L’indennità sostitutiva di mensa è fissata in 0,90 euro/ora per gli operai e 7,20 euro/giorno per gli impiegati.
Differentemente dalle precedenti contrattazioni, l’indennità di mensa spettante ai lavoratori verrà versato dalle imprese in Cassa Edile tramite inserimento nella denuncia mensile del relativo “accantonamento provvista indennità mensa”; sarà la Cassa Edile con cadenza trimestrale a liquidare ai lavoratori la quota economica di indennità di mensa accantonata.

Si specifica che il mancato versamento dell’accontamento provvista indennità mensa verrà valutato ai fini della regolarità del DURC.
Beninteso, le imprese che dovessero provvedere direttamente al servizio di mensa dovranno avanzare un’apposita istanza alla Cassa Edile che la sottoporrà per la specifica valutazione alla Commissione costituita dalle parti sottoscrittrici.

 

Condividi:

Altre Notizie

ARTIGIANATO: prorogata la prevenzione San.Arti

                                                       Fino al 31 dicembre 2022, i dipendenti delle imprese artigiane iscritti al fondo di assistenza sanitaria San.Arti, possono usufruire gratuitamente di tutti i 4 Pacchetti di prevenzione del Piano

Leggi tutto »

Ristorazione: contributi a favore delle imprese

                                                            06 LUG 2022 Criteri e modalità per l’erogazione di contributi in favore delle imprese operanti nel settore della ristorazione(MISE – Decreto 29 aprile 2022). Il presente decreto

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query