Smart working ‘facilitato’ fino al 31 gennaio 2021

Fino al 31 gennaio 2021 i datori di lavoro potranno avviare più facilmente il lavoro in modalità a distanza

Fino al 31 gennaio 2021,  data in cui termina lo stato di emergenza nazionale, i datori di lavoro possono ovviare alla farraginosa comunicazione al Ministero del Lavoro per l’avvio del lavoro in modalità a distanza. Valgono infatti fino a tale termine le modalità semplificate previste dall’art. 90, co. 3 e 4 del D.L. n. 34/2020 (cd. “Decreto Rilancio”), convertito con modificazioni in L. n. 77/2020.
A renderlo noto è il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con una faq pubblicata sul proprio portale telematico.
Affinché il datore di lavoro possa avviare lo svolgimento del lavoro a distanza è tenuto a ottenere il consenso del lavoratore e, successivamente, a seguire un preciso iter burocratico sul sito del MLPS. Iter che però, data la situazione straordinaria generata dalla pandemia e la necessità di tutela della salute, è stato semplificato dal Governo ha incentivato l’utilizzo dello smart working. Nello specifico, la procedura semplificata consente l’invio dei nominativi dei lavoratori coinvolti tramite un unico file excel. Non è necessario allegare l’accordo individuale di smart working siglato tra azienda e dipendente. Questa è la procedura che dunque resta in vigore fino al termine attualmente previsto dello stato di emergenza, ossia il 31 gennaio 2020.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query