Superbonus 110%

Aspettative esaudite dopo l’annuncio dei giorni scorsi del presidente della Commissione Lavori Pubblici di Palazzo Madama: i due decreti relativi al Superbonus al 110% sono stati pubblicati ufficialmente.

"
a

Aspettative esaudite dopo l’annuncio dei giorni scorsi del presidente della Commissione Lavori Pubblici di Palazzo Madama: sulla Gazzetta Ufficiale n. 246 del 5 ottobre sono stati pubblicati i due attesissimi decreti ministeriali relativi al Superbonus 100%.

Si tratta dei decreti a firma del Ministero dello Sviluppo Economico, datati 6 agosto 2020, recanti:

  • i requisiti tecnici per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici;

  • i requisiti delle asseverazioni per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici.

Si completa, così, il quadro della normativa per l’applicazione della detrazione Irpef e Ires del 110% sugli interventi dell’Ecobonus e del Bonus facciate: finalmente, quindi, il Superbonus può partire.

Superbonus 110%, decreto requisiti tecnici

Il decreto requisiti tecnici attua l’art. 14, comma 3-ter, del Dl n. 63 del 2013 e, quindi, definisce i requisiti tecnici che devono soddisfare gli interventi che danno diritto alla detrazione delle spese sostenute per:

  • interventi di efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente spettanti, coperti dal cosiddetto Ecobonus;

  • gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti di cui all’art. 1, comma 220 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, coperti dal cosiddetto Bonus Facciate 90%;

  • gli interventi che danno diritto alla detrazione – il cosiddetto Superbonus 110% – di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 119 del Dl 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 luglio 2020, n. 77, ivi compresi i massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento.

Il provvedimento dopo aver disciplinato in maniera dettagliata all’articolo 2 la tipologia e le caratteristiche degli interventi che possono beneficiare della super detrazione, specifica che le detrazioni concesse per tutti gli interventi elencati si applicano con le percentuali di detrazione, i valori di detrazione massima ammissibile o di spesa massima ammissibile che sono riportati nell’Allegato A. Dunque, non è solo un decreto relativo ai requisiti tecnici, ma anche un provvedimento sui costi, dato che sono specificati anche i massimali di costo specifici per ogni singola tipologia d'intervento ammesso alla detrazione del 110%.

Superbonus 110%, decreto asseverazioni

L’Altro decreto riguarda, invece, le modalità di redazione e trasmissione delle asseverazioni da parte dei tecnici incaricati di redigerle.

È noto, infatti, che per beneficiare della super detrazione fiscale è necessario che gli interventi realizzati sugli edifici consentano il doppio salto di classe energetica, ovvero il salto alla classe più alta se l'immobile si trova già in classe A+++. Questo passaggio deve essere asseverato da un tecnico mediante attestazione di prestazione energetica da redigersi prima degli interventi e successivamente.

L’Asseverazione del tecnico, quindi, certifica la rispondenza a norma degli interventi e consente, nel rispetto di tutte le altre norme, di godere del Superbonus. Nello specifico, infatti, il tecnico deve “asseverare”:

  • il rispetto dei "requisiti tecnici" previsti dal Dm 6 agosto 2020, il quale sostituirà, per i lavori iniziati dopo la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quelli indicati nei decreti 19 febbraio 2007 e 11 marzo 2008;
  • la “congruità” delle spese sostenute rispetto ai “massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento”; in pratica i costi per tipologia di intervento dovranno essere inferiori o uguali ai prezzi medi delle opere compiute, riportati nei “prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome” territorialmente competenti o ai prezzi riportati nelle guide sui “prezzi informativi dell’edilizia”, edite da Dei.

Superbonus 110%, spartiacque è la data del 6 ottobre

I decreti entrano in vigore il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ovvero il 6 ottobre 2020.

Questa data rappresenta, dunque, uno spartiacque per i lavori che sono già iniziati e per quelli che, invece, inizieranno da oggi.

La data di inizio lavori deve essere sempre comprovata tramite apposita documentazione; fa fede, per esempio, la data di deposito in Comune della relazione tecnica di cui all’articolo 8 del Dlgs 192/2005. In assenza di questa data, se non depositata, l’inizio dei lavori non è valido.

Pertanto, per i lavori già iniziati si continueranno ad applicare i requisiti previsti dal decreto 19 febbraio 2007; mentre, per i lavori che inizieranno da oggi, si dovranno applicare i più severi requisiti previsti dal decreto requisiti Ecobonus.

Tuttavia, anche per gli interventi già iniziati è possibile accedere alle detrazioni del 110%, ma a condizione che venga acquisita l’asseverazione (Art. 8, Decreto requisiti), che deve comprendere, nei casi previsti, la “dichiarazione di congruità delle spese” sostenute nel periodo dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

A questo punto, però, rimane in dubbio come attestare la classe energetica iniziale, attraverso l’Ape convenzionale, che è stata introdotta solo da oggi con il decreto requisiti, e se si dovrà comunque far riferimento ai prezziari regionali o al prezziario Dei.

Condividi:

Altre Notizie

FSBA e assegno ordinario D.L. Sostegni

Pubblicato sul sito web del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA)  l’aggiornamento del manuale operativo per le prestazioni erogate dal Fondo relativamente alle domande di assegno ordinario previste dal Decreto Legge 22 marzo, n. 41. Il Fondo comunica che i datori di lavoro devono presentare una nuova

Leggi tutto »

Food delivery, accordo contro il caporalato

Il 24 marzo 2021 è stato sottoscritto il protocollo quadro sperimentale contro il caporalato e l’intermediazione illecita nel settore del food delivery. In considerazione dello sviluppo sempre più marcato del settore e dei forti rischi di intermediazione illecita, nonché della progressiva evoluzione dei profili giuslavoristici, le

Leggi tutto »

Congedo Covid 2021, istruzioni INPS

L’INPS ha fornito le prime istruzioni sui congedi indennizzati 2021 riconosciuti ai genitori lavoratori dipendenti dal decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. I dettagli nel messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021. Relativamente ai genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14 o con figli disabili gravi

Leggi tutto »

Dal Dl Sostegni nuove integrazioni salariali

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 23 marzo 2021, n. 41, l’esecutivo ha rinnovato i trattamenti di integrazione salariale connessi all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo ulteriori tredici settimane per le imprese del settore industriale e ventotto settimane per le imprese del commercio

Leggi tutto »

Tutto quello che cerchi è In...Query